sabato 9 marzo 2019

Nicola Vacca - Tutti i nomi di un padre



Autore: Nicola Vacca
Titolo: Tutti i nomi di un padre
Editore: L’ArgoLibro
Con due interventi di Paolo Fiore e Donato di Poce
In copertina: opera di Salvatore Marrazzo
Anno di pubblicazione: 2019
ISBN 978-88-94907-57-5
Numero pagine: 82

Formato: 12x20
Prezzo di copertina euro 14,00
Spedizione raccomandata tracciata compresa nel prezzo di copertina. 

Cliccando su "Paga adesso" è possibile effettuare il versamento tramite PayPal. Sono disponibili anche 
altre forme di pagamento (PostePay e bonifico bancario), per qualsiasi informazione scrivete a largolibro@gmail.com 



Per contattare l’autore: nicvacca@hotmail.com
Per info e ordini: largolibro@gmail.com 


In «Ogni cosa alla sua stagione», Enzo Bianchi scrive: «È paradossale: la notte di cui tutti facciamo esperienza, vedendo morire gli altri e morendo noi stessi, diventa utopia, senza luogo, come se potesse per questo diventare irreale, scomparire dal nostro orizzonte.» 
La perdita fisica della morte è un dramma con il quale tutti noi dobbiamo confrontarci, più volte, nel corso della vita, e naturalmente il dramma è tanto maggiore quanto più è vicina la persona che perdiamo. Per la maggior parte delle persone, non c’è perdita maggiore di quella dei genitori.
Che risposta possiamo dare al tremendo “senso di assenza” che siamo costretti ad affrontare? L’arte può aiutarci anche in questi frangenti, perché è uno sguardo che riesce a vedere oltre i limiti del tempo e dello spazio.
Nicola Vacca attraversa l’inevitabile dolore e, con tutta la forza dell’arte poetica, interroga la Vita e la Morte senza tirarsi indietro, senza sottrarsi all’“oscurità della notte”. Sa che va accettata per quello che è, se vogliamo sperare di trarne barlumi di risposte, per quanto parziali. Lo vediamo attraversare la quotidianità del “lungo inverno”, la sconfinata amarezza che non percepisce più la presenza del padre, della madre, e la sensibilità dell’artista può e sa registrare tutte le sensazioni che affiorano. Leggiamo la consistenza della rabbia, del senso di impotenza, del pessimismo, ma anche la leggerezza del ricordo e la speranza del “nuovo dialogo” forse possibile.
Chiudono il libro le considerazioni dense e illuminanti di Paolo Fiore e Donato Di Poce, ad ulteriore arricchimento di un’opera coraggiosa e necessaria.

Clicca qui per leggere la recensione di Annibale Gagliani su "l'Ottavo"

Clicca qui per leggere la recensione di Gianluigi Pagliaro su "Zona di disagio"

Clicca qui per leggere la recensione di Milena Esposito su "Zona di disagio"

Clicca qui per leggere la recensione di Gianluca Conte su "Linea carsica"

Clicca qui per leggere la recensione di Luisa Bolleri su "Zona di disagio"

Clicca qui per leggere la recensione di Martino Ciano su "Gli amanti dei libri"

Clicca qui per leggere la recensione di Giuseppe Scaglione su "Correlazioni - Arte & Cultura"

Clicca qui per leggere la recensione di Giulietta Iannone su "Liberi di scrivere"

Clicca qui per leggere la recensione di Giulio Maffii su "Carteggi letterari"

Clicca qui per leggere l'intervista di Vincenzo Fiore su "TPI"

Clicca qui per ascoltare l'intervista radiofonica di Martino Ciano su "Radio Digiesse"

Nessun commento:

Posta un commento