giovedì 19 settembre 2019

"La Compagnia della Tèpa" vi aspetta a Stella Cilento



PRESENTAZIONE
SABATO 21 SETTEMBRE
ORE 16:00

Biblioteca Comunale
San Giovanni di Stella Cilento (SA)

La Compagnia della Tèpa
Dodici atti di vandalismo sociale
di
Francesca Schiavo Rappo
Illustrazioni di
Cristiana Nasta

Edizioni «L’ArgoLibro»

Dodici racconti per dodici personaggi.
Una ricerca di senso
sul rapporto con “l’Altro”
che è dentro e fuori di noi. 


Segue buffet

mercoledì 11 settembre 2019

Laura Vargiu recensisce Ivana Leone




“Forza e libertà attraverso Alda Merini”
 di Ivana Leone
Edizioni “L’ArgoLibro”

È un breve saggio dedicato alla celebre Poetessa dei Navigli il nuovo interessante libro di Ivana Leone, edito all'inizio dell'anno in corso da "L'ArgoLibro" di Agropoli. La giovane autrice cilentana lascia momentaneamente (ma non del tutto) la scrittura in versi per dedicarsi a quella in prosa e il risultato è una pubblicazione che si distingue subito per originalità e grande profondità di pensiero.
Ho conosciuto Alda una sera di agosto, così, all'improvviso è entrata nella mia anima e ci è restata”, scrive la Leone iniziando a spiegare la propria passione per la Merini, nata grazie a uno dei suoi libri di poesia e culminata in un legame spirituale che diviene via via palpabile tra le righe di questo saggio, dove si ripercorre la vicenda umana e letteraria della Poetessa mettendo in luce anzitutto la sua forza d'animo e un viscerale desiderio di libertà che nemmeno i lunghi, crudeli, dolorosi anni dell'ospedale psichiatrico potranno mai mettere a tacere: “Nel suo modo di essere, la poetessa vede un'aspirazione alla libertà che la seduce, una sorta di modo anarchico di andare e venire tra la vita e la morte. La libertà estrema di andarsene in silenzio [...]”.
Ecco, dunque, affiorare anche tra queste pagine il suo grande bisogno d'amore, l'internamento presso il Paolo Pini di Milano, la terribile “Terra Santa” che era il manicomio, dove si espiavano le colpe del mondo e ogni cosa si faceva sacra, soprattutto il dolore: “Sì, la Terra Santa. - raccontava lei stessa nel suo struggente “L'altra verità. Diario di una diversa” - ”E noi vi eravamo immersi, in quelle latrine puzzolenti, dalle albe (ma non vedevamo mai un'alba) al tramonto più cieco”; per tacere di quel senso di solitudine che sembrava non avere mai fine e trascinava forse con sé l'amaro ricordo dell'ospedale psichiatrico di cui, al pari di “una lunga pesante catena”, fuori non si riusciva mai a disfarsi.
L'analisi di tutte queste tematiche, alle quali si deve aggiungere quella immancabile della follia, viene sviluppata dall'autrice in modo particolarmente accattivante, attraverso una scrittura ben curata e accessibile a tutti che offre nell'insieme una lettura coinvolgente. “La pazza Alda, nella sua sana lucidità, è riuscita a lasciare la sua impronta eterna nell'olimpo delle divinità poetiche [...]”, una donna e un'artista di grandissimo spessore che si fa emblema di libertà. Così, nella parte conclusiva del saggio, la libertà di Alda Merini è occasione per affrontare anche il tema del ruolo femminile nell'ambito della società attuale, dove, nonostante i diversi traguardi raggiunti rispetto al passato, per le donne la strada da percorrere è ancora lunga in termini di lavoro e realizzazione personale.
Infine, completa l'opera una breve raccolta di componimenti poetici firmati dalla stessa Ivana Leone e dedicati, ovviamente, alla carismatica Poetessa milanese: poesie che impreziosiscono il testo continuando a discorrere con passione di libertà, le cui lacrime “Oggi hanno un altro sapore/ Profumano di orchidee/ Profumano di gioia, profumano di te/ Che con tanta fatica/ Sei rinata in un'altra vita.”
Laura Vargiu
Scrittrice e poetessa



Giuseppe Perrone a "L'ARGOLIBRO"




L’ora del buio è poetica della scelta perché nel momento oscuro, in cui ogni certezza è ormai venuta meno, non si può che valutare ciò che abbiamo, sospendendo il proprio giudizio di fronte agli eventi e alle sensazioni, e contemplando la caduta. I versi di Perrone costatano il tramonto, bloccano l’incedere del tempo e sottraggono questa
mezzanotte dell’umanità a qualsiasi moto perpetuo.
(Martino Ciano su www.gliamantideilibri.it)

PRESENTAZIONE
VENERDÌ 13 SETTEMBRE - ORE 18:00

L’ORA DEL BUIO
di Giuseppe Perrone
I Quaderni del Bardo Edizioni

Incontro a cura di
Nicola Vacca

Lettura di poesie scelte a cura di
Biancarosa Di Ruocco

Libreria indipendente
“L’ARGOLIBRO”
Viale Lazio, 16
(Zona sud, adiacente Via Salvo D’Acquisto,
nei pressi del Centro per l’Impiego)
Agropoli, Salerno

“L’ARGOLIBRO”:
largo ai buoni libri e ai buoni autori!




Sul Segnalibro di settembre due iniziative davvero originali!






(clicca sulle immagini per ingrandirle)

Vuoi partecipare al Segnalibro?
Clicca qui per tutte le informazioni!
Condividi la tua arte!

Dopo il gran caldo estivo, il nuovo Segnalibro de “L’ARGOLIBRO” ci accompagna verso l’autunno. Questo mese vi offre:

- il disegno originale di Maria Rosaria Verrone;

- informazioni sulla nuova iniziativa “Se lo compri, te lo presto!”, valida su migliaia di titoli presenti in libreria (clicca qui);

- informazioni sulla nuova iniziativa “Ritratto d’Artista a L’ARGOLIBRO”, curata dal fotografo “RjnoSkär”; il primo Shooting fotografico si terrà a metà ottobre, clicca qui per maggiori informazioni;

- il racconto «Giorgia» di Elisabetta Mattioli;

- la poesia di Hermann Hesse;

- la recensione del romanzo “La Violinista” di Elisabetta Mattioli;

- la recensione di Giuseppe Salzano per la rubrica “Leggendo…”;

- spazio dedicato alle pubblicazioni de L’ArgoLibro «Biancovelo ed altre storie» di Annamaria Perrotta, «La Compagnia della Tèpa» di Francesca Schiavo Rappo e Cristiana Nasta, «Il linguaggio delle nuvole» di Carmine Rago e «Rumore del tempo nella memoria» di Giuseppe Battaglia (clicca qui per visitare la sezione del blog dedicata alle nostre pubblicazioni – clicca sulle copertine per aprire la pagina corrispondente);

- e ancora news, aforismi, curiosità...

L’ARGOLIBRO”: 
facciamo largo alla qualità!

mercoledì 4 settembre 2019

Una nuova, grande iniziativa firmata «L'ARGOLIBRO»




Solo a L'ARGOLIBRO ci sono centinaia di libri a offerta libera e a libero scambio e da settembre c'è una grande novità:

Se lo compri,
te lo presto!

Se non sai se quel libro ti potrà piacere, lo puoi comprare e poi riportarlo quando vuoi. Ogni giorno ti costerà solo 50 centesimi. Quando il libro ritornerà in libreria il bonus ti sarà rimborsato.
Per aderire passa a L'ARGOLIBRO e chiedi tessera gratuita e regolamento.


Libreria indipendente L'ARGOLIBRO: noi facciamo davvero spazio alle buone iniziative!

Siamo ad Agropoli (SA) in Viale Lazio, 16 – Zona sud, adiacente Via Salvo D’Acquisto, nei pressi del Centro per l’Impiego (accanto a “Ricambi Iannuzzi” e a “Mani di fata”).
Per qualsiasi informazione: 3395876415 – largolibro@gmail.com

sabato 31 agosto 2019

Carmine Rago - Il linguaggio delle nuvole




Autore: Carmine Rago
Titolo: Il linguaggio delle nuvole
Editore: L’ArgoLibro
Anno di pubblicazione: 2019
Numero pagine: 180

Copertina: a colori con alette
Introduzioni di Rita D’Aquino e Angela Nese
Formato: 14,5x21
Codice ISBN: 978-88-94907-69-8
Prezzo di copertina euro 15,00
Spese di spedizione euro 4,63 (raccomandata postale)
Per contattare l’autore: 
carminerago2@virgilio.it   
Per info e ordini: largolibro@gmail.com 

Un romanzo complesso, ricco di sfumature, questo di Carmine Rago, che appassiona fin dalle prime pagine grazie ai molti dialoghi diretti tra i protagonisti, ma non solo.
Andrea Giordano, il personaggio principale, ci fa entrare nella sua “normale” quotidianità e al tempo stesso percepiamo il suo essere speciale, la sua capacità di vedere oltre le apparenze per poter percepire l’appartenenza a un “insieme” nel quale siamo tutti immersi, nessuno escluso, ma che ben pochi ormai riconoscono.
Le prefazioni di Angela Nese e Rita D’Aquino sottolineano, giustamente, questo aspetto fondamentale del romanzo, oltre ad offrire una serie di spunti per accostarsi all’opera traendone, dopo la lettura, gli insegnamenti che l’autore vuole trasmetterci.
In quarta di copertina, Domenico De Martino scrive: «(…) il lettore si ritrova trascinato in un mondo sconfinato di immagini in cui niente è lasciato al caso: dalla forma delle nuvole al volo di un insetto, dal profumo dei fiori al radunarsi di una turba.»
Un romanzo che, con la sua sapiente ricchezza, è anche una risposta a tanta pseudo-letteratura di oggi, propinataci da (cosiddette) grandi case editrici che fanno leva sempre e solo sull’“esser famosi” degli autori. Libri che, quasi sistematicamente, non hanno nulla da spartire con la buona letteratura.

domenica 25 agosto 2019

«Rjnoskär – Digital Art»: il TUO ritratto d'artista ti aspetta a «L'ARGOLIBRO»!


Ritratto d'artista
a L'ARGOLIBRO

Quando ad essere fotografato
da un artista è un altro artista

«Rjnoskär – Digital Art» si presenta
www. rinoscarpa.myportfolio.com 

Sono nato a Milano nel 1979, fotografo per passione, ho scelto la libertà di ascoltare, creare, narrare.
Ho sviluppato un progetto personale che va oltre l’estetica, per comprendere quanto il contatto con le opere di artisti da ritrarre suggestioni la mia maniera di realizzare la fotografia di ritratto.
Il ritratto fotografico è un genere nato con la fotografia stessa. Semplice documento, all'inizio, con il tempo è diventato interpretazione, narrazione e rifrazione armonica di una personalità. Soprattutto se davanti all'obiettivo dell'artista fotografo posano degli artisti da fotografare.
Da dove inizio
Incontro l'artista a «L'ARGOLIBRO» e passiamo del tempo insieme. Mi faccio raccontare chi è, cosa fa, cosa sogna, le sue passioni, quello che avrebbe voluto fare, che non è detto che sia quello che fa. Quale emozione si adatta meglio al suo stile, alla sua energia e al suo carattere? Devo scoprirlo per immortalarlo.

La creazione dei ritratti
Realizzo il servizio fotografico per i suoi ritratti con un oggetto particolare che gli appartiene, in una libreria che nasce come installazione d'arte.
A «L'ARGOLIBRO», ad Agropoli, nel salernitano, sono rimasto colpito dall'energia, dalla bellezza e dalla “narrazione” dell’insieme, ed ho deciso di condividere con altri artisti questo luogo per ambientare i loro ritratti e i miei scatti.  
L'energia della libreria, l'atmosfera che si vive tra gli scaffali, tutto ciò che «L'ARGOLIBRO» è ha motivato la mia scelta di far nascere il progetto «Ritratto d'artista a L'ARGOLIBRO».
Neanche la grande distanza chilometrica tra Milano ed Agropoli è riuscita a farmi desistere.
Ho scelto di far diventare «L'ARGOLIBRO» il set preferito per i miei ritratti non solo per gli artisti, ma anche per tutti coloro che frequentano e "vivono" quel luogo perché percepisco le vibrazioni che si sviluppano qui e credo che i legami tra le persone e i luoghi possano essere fotografati e trasmettere emozioni.
Ho deciso, quindi, di fare soltanto una piccola eccezione e di ritrarre, oltre gli artisti, anche i frequentatori abituali della libreria, pure perché credo che chi vive quel luogo ha sviluppato un senso di appartenenza a quell’armonia ed io voglio immortalarlo.

Quanto tempo occorre
Mezza giornata è il tempo minimo, una giornata intera è il tempo ottimale tra la conoscenza, i preparativi e le fotografie.

Cosa realizzo
Entrare in confidenza senza essere invadente, accorgermi delle gestualità, togliermi dalla testa le foto iconiche da imitare, per arrivare all’essenza di chi posa e contemporaneamente mostra il suo estro artistico è quello che realizzo nel primo step del lavoro.
La seconda fase consiste essenzialmente nell'esecuzione degli scatti fotografici, partendo dal comprendere quali sono le espressioni che meglio si addicono all'artista che posa per me, fino ad arrivare a cogliere con sicurezza il tratto distintivo e unico di chi sto fotografando. Ogni fotografia è un'interpretazione, una manifestazione d'arte.
La terza fase consiste in due step: il primo è decidere insieme se ritoccare le fotografie e quanto deve essere hard il ritocco, il secondo è personale ed è dedicato al lavoro di elaborazione degli scatti ed ha la durata media di due settimane.
Successivamente consegno trenta opere digitali e insieme scegliamo le quindici da inserire nel fotolibro e la fotografia che dovrà diventare gigantografia su tela.
Con «L'ARGOLIBRO», che è anche Casa Editrice, abbiamo deciso di creare una linea editoriale unica e originale che caratterizzi i foto-libri che così diventano vere pubblicazioni in singola copia. Grafica, impaginazione e stampa seguono una logica estetica capace di rendere immediatamente riconoscibile l'opera. Questo conferisce maggior pregio alla stampa. Si entra a far parte di una community che fa della bellezza il proprio slogan.

Il primo Shooting fotografico si terrà ad Agropoli a metà ottobre. Per l'occasione, un ottimo sconto sarà riservato a chi si prenoterà.
Contattami o contatta «L'ARGOLIBRO» per qualsiasi ulteriore informazione sui costi e sulle modalità di realizzazione.

Rino Scarpa: rino.26@hotmail.itwww. rinoscarpa.myportfolio.com – 3388637425

Milena Esposito: occhidiargo@hotmail.it – 3292037317