lunedì 23 marzo 2020

Ivano Ciminari - Cani in chiesa




Autore: Ivano Ciminari
Titolo: Cani in chiesa
Editore: L’ArgoLibro
Anno di pubblicazione: 2020
Numero pagine: 88

Copertina: a colori con alette
Formato: 14,5x21
Codice ISBN: 978-88-94907-80-3
Prezzo di copertina euro 12,00
Spese di spedizione euro 4,63 (raccomandata postale)
Per contattare l’autore:
 iranimic@tiscali.it   
Per info e ordini: largolibro@gmail.com 

Siamo davvero in grado di vedere oltre il luogo comune? Siamo davvero in grado di sganciarci dal “sentire comune” che troppo spesso tradisce un’ottusità che non vuole mai mettersi in discussione?
Ci pone queste domande, in modo “leggero”, questo scritto di Ivano Ciminari, «Cani in chiesa». Una leggerezza, la sua, acuta e sensibile, che si accompagna anche a vibrazioni musicali presenti in molte pagine. L’autore sorride, insieme a noi, di situazioni che si vengono a creare nella vita di tutti i giorni, in un “normalissimo, generico” ambiente urbano che richiama le città o i grossi paesi nei quali vive la maggior parte di noi.
Il cane in chiesa è l’immagine spiazzante, urticante, dalla quale parte questo scritto che si legge tutto d’un fiato. Conosciamo Nicola, tipo “troppo alternativo”, e Valeria, “troppo normale”, e altre figure che, in un certo senso, chiamano in causa anche noi lettori, in genere abituati ad un approccio passivo alla lettura.
Lo stesso tocco finale di Ivano Ciminari, che non vi anticipiamo, fa parte della sua grande voglia di coinvolgere il lettore attivamente nel “gioco” della scrittura, un “gioco” intelligente che fa sorridere ma anche, soprattutto, riflettere.

mercoledì 18 marzo 2020

POESIE SU CERAMICA: Concorso Nazionale "KERAMOS" - Decima Edizione






L’Associazione Artistica e Letteraria "Gli Occhi di Argo", in collaborazione con la Casa editrice/Libreria indipendente “L’ArgoLibro”, con il Centro Artistico “KERAMOS” di Antonio Guida, con il Patrocinio del Comune di Agropoli (SA), organizza la DECIMA EDIZIONE del Premio Nazionale di Poesia Breve “KERAMOS”, articolato nelle seguenti sezioni:

- Sezione A : Poesia dedicata alla Dea Madre e/o al Mito.
- Sezione B : Poesia dedicata al fuoco e/o alla terra.
- Sezione C : Poesia dedicata al mare e/o alla luna.
- Sezione D : Poesia dedicata al Cilento.
- Sezione E : Poesia dedicata agli alberi e/o ai fiori.

L'argilla è la materia per fare la ceramica. Keramos, in greco, vuol dire "argilla" o meglio indica l'oggetto di ceramica finito. Nella mitologia Keramos era il dio protettore dei ceramisti cioè di coloro che lavoravano l'argilla. Dio notturno e mediterraneo del fuoco e della Terra. A lui è dedicato questo Concorso.

1. È possibile partecipare ad una o più sezioni con una sola poesia inedita per sezione (LUNGHEZZA MAX 8 VERSI, SONO CONSIGLIATI VERSI BREVI) da inviare via e-mail all’indirizzo largolibro@gmail.com  corredata di allegato contenente i dati anagrafici, indirizzo completo, numero telefonico e la dichiarazione che l'opera presentata al Premio di Poesia “KERAMOS” è inedita e frutto del proprio intelletto.

2. Per ogni sezione alla quale si partecipa è richiesto un contributo di € 15,00 da versare sul conto Postepay o bonifico bancario, i dati di riferimento sono:

Postepay:
FRANCESCO SICILIA
numero carta: 4023 6009 5284 9497
Codice fiscale: SCLFNC69E19A091G

Codice IBAN:
L’Argolibro Editore di Francesco Sicilia
IBAN IT21 D070 6676 0200 0000 0410 702

3. Le poesie devono pervenire entro il 18 maggio 2020. L’e-mail deve essere completata da tutti i dati dell'autore, incluso indirizzo e numero di telefono. L'oggetto della mail deve riportare il nome “Keramos” e la lettera della sezione o delle sezioni scelte. Attenzione: la redazione conferma sempre la corretta ricezione dell’e-mail; nel caso non pervenga la conferma entro 3 giorni, chiedere conferma al 3395876415.
Il versamento va effettuato contestualmente all’invio dell’e-mail e ne va data notizia nella stessa, allegando la ricevuta.

4. I nominativi della giuria, il cui giudizio è insindacabile ed inappellabile, saranno resi noti il giorno della cerimonia di premiazione che si terrà ad Agropoli (Sa) nell’estate 2020, seguirà cerimonia di affissione delle Ceramiche Artistiche.

5. In premio, per i dodici vincitori: la riproduzione delle poesie su pannello di ceramica maiolicata; la pubblica lettura durante la premiazione, presso il Castello medievale di Agropoli; un Attestato di Merito; la pubblicazione della poesia sulle copie de I 2MILA SEGNALIBRI (il pieghevole mensile de “Gli Occhi di Argo” e “L’ArgoLibro” stampato e distribuito ogni mese in duemila copie cartacee, qui tutte le info: https://largolibro.blogspot.com/2019/10/i-2mila-segnalibri-uniniziativa-davvero.html).

6. Le Targhe di Ceramica Artistica saranno realizzate dallo Studio d’Arte Guida di Antonio Guida e non saranno consegnate agli autori ma, in una pubblica manifestazione (che si svolgerà tra luglio e agosto 2020, in data che sarà prontamente comunicata non appena fissata), saranno affisse in modo permanente presso il Centro storico della Città di Agropoli.

7. Tutte le spese di partecipazione restano a carico dei partecipanti. Non è obbligatoria la presenza dei vincitori alla cerimonia finale di premiazione.

8. L'organizzazione si riserva la facoltà di pubblicare e divulgare, a propria discrezione, gli elaborati pervenuti senza che gli autori abbiano nulla a pretendere come diritto d'autore.
Per la decima edizione, la casa editrice “L’ArgoLibro” prevede la realizzazione di un’Antologia cartacea.

9. La partecipazione al Premio implica la conoscenza e la piena accettazione del presente regolamento, l'inosservanza costituisce motivo di esclusione.

10. In relazione agli articoli 13 e 23 del D.lg n. 196/2003, l'organizzazione del Premio assicura che i dati personali acquisiti vengono trattati con la riservatezza prevista dalla legge e saranno utilizzati esclusivamente per l'invio di informazioni culturali e per gli adempimenti inerenti il concorso. 

11. Per qualsiasi ulteriore informazione: largolibro@gmail.com - 3395876415 - 3292037317


lunedì 16 marzo 2020

Pasquale Carelli - Tra una pizza e l'altra




Autore: Pasquale Carelli
Titolo: Tra una pizza e l’altra
Considerazioni e confessioni di un libero pizzaiolo italiano
Editore: L’ArgoLibro
Introduzione di Felice Fusco
Progetto grafico: Annamaria Carelli – www.ariacarelli.com
Anno di pubblicazione: 2020
ISBN 978-88-94907-84-1
Numero pagine: 266

Formato: 13x20
Prezzo di copertina euro 15,00
Spese di spedizione euro 4,63 (raccomandata postale)
Per contattare l’autore: 
 carellipas@gmail.com   
Per info e ordini: largolibro@gmail.com 

Cliccando sul pulsante "Paga adesso", si procede con l'acquisto diretto tramite circuito PauPal. Sono disponibili anche altre forme di versamento (bonifico e Postepay), per qualsiasi informazione scriveteci a largolibro@gmail.com 

«Ma il guaio successe con la polverina dell’onestà: perché il Padreterno, siccome era stanco e non vedeva l’ora di finire la giornata, invece che prendere il vasetto originale, prese quell’altro che era tale e quale ma c’era scritto, a caratteri piccolissimi: surrogato».
Un libro davvero godibilissimo, questo di Pasquale Carelli, penna sensibile e poliedrica che “sa raccontare” appassionando il lettore.
Il protagonista ci invita nella sua pizzeria, “Pizzitalia”, per farci incontrare “la varia umanità” di una clientela che è lo specchio fedele dell’Italia di oggi, tra pregi e difetti, timori e convinzioni, certezze e contraddizioni.
Nella sua illuminante introduzione, il professor Felice Fusco sottolinea giustamente che “la verve comico-umoristica di Carelli” (…) “è senza limite, sottile, intelligente, penetrante, coinvolgente.” Del resto, l’autore ha pubblicato, fin dai primi anni Novanta, sia testi di narrativa che teatrali, con una particolare attenzione al territorio campano e cilentano, dimostrando una solida capacità di saper cogliere tutte le sfumature dei personaggi che tratteggia con sicurezza e maestria. 
Il lettore viene subito coinvolto nel “gioco” di dialoghi mai banali, rivelatori, indicativi di un “modus vivendi” che avvertiamo subito familiare.
Insomma: ai tavoli di “Pizzitalia” troviamo seduti noi stessi, a più riprese e in più occasioni, e sicuramente “tra una pizza e l’altra” impariamo a conoscerci un po’ meglio, sorridendo e riflettendo. Ne abbiamo bisogno.

sabato 14 marzo 2020

Concorso Letterario gratuito "MIEDO - Gli Occhi della Paura": parte la nuova edizione!



MIEDO
Gli Occhi della Paura

Concorso Letterario gratuito

La paura, l’angoscia, lo sgomento, la sensazione di destabilizzazione: sentimenti e percezioni che ognuno di noi sperimenta più volte, nel corso della propria vita, per brevissimi lassi di tempo oppure per giorni, mesi, a volte anni.
Ovviamente il pensiero, oggi, corre immediatamente alla situazione che si è venuta a creare per la pandemia del “coronavirus”, ma proviamo ad allargare lo sguardo, a “rielaborare” i nostri profondi timori grazie all’arte della parola scritta.
Otto anni dopo la prima edizione del 2012, organizziamo la seconda edizione di “MIEDO” (“Paura” in spagnolo). Siamo tutti invitati a “spostare artisticamente” lo sguardo. La parola scritta può aiutarci moltissimo ad esorcizzare costruttivamente la negatività delle inevitabili tensioni e angosce di questi mesi.

Diamo la parola all’arte! Scriviamo sulla paura, affrontiamola, oltrepassiamola, vinciamola con le parole. Partecipa anche tu al CONCORSO PER RACCONTI E POESIE “MIEDO – GLI OCCHI DELLA PAURA”.

Regolamento

1) La Casa editrice/libreria indipendente “L’ArgoLibro”, insieme all’Associazione Artistico-letteraria “Gli Occhi di Argo”, bandisce la seconda edizione del Concorso Nazionale di narrativa e poesia “MIEDO”, per racconti e poesie brevi che saranno pubblicati in un'antologia.
2) Il concorso è gratuito; il tema è la paura.
3) È possibile partecipare inviando opere fino al 30 aprile 2020.
4) Sono previste due sezioni: narrativa (brevi racconti noir, gialli, di terrore e horror - anche umoristici -) e poesia sull’argomento della paura e del dolore. Ogni partecipante può inviare un solo racconto o una sola poesia in tema (pena l’esclusione). NON è possibile partecipare a entrambe le sezioni.
5) Per la categoria narrativa è possibile inviare un solo racconto della lunghezza massima di 3600 battute spazi inclusi. Per la categoria poesia è possibile inviare una sola poesia della lunghezza massima di 30 versi.
6) Le opere non devono essere già state pubblicate e l’autore ne dichiara la proprietà.
7) I lavori dovranno pervenire in formato Word via e-mail, in allegato, all’indirizzo: largolibro@gmail.com.  Devono essere accompagnati da una nota contenente i dati dell’autore: nome e cognome, indirizzo, e-mail, numero telefonico e una breve nota biografica. Per i partecipanti minori di 18 anni, il materiale dovrà essere accompagnato dalla liberatoria firmata da un genitore o da chi ne fa le veci.
8) La partecipazione al concorso costituisce automatica autorizzazione alla pubblicazione dei lavori inviati senza aver nulla a pretendere come diritto d’autore. I diritti rimangono comunque di proprietà dei singoli autori, i quali, partecipando, implicitamente dichiarano la paternità dell’opera inviata. La partecipazione vale inoltre come liberatoria per l’uso dei dati anagrafici ai fini del concorso stesso e per l’inserimento nella nostra mailing-list (da cui si potrà richiedere la rimozione in ogni momento).
9) Chiusa l’iscrizione, le opere saranno valutate da una Giuria il cui giudizio sarà insindacabile.
10) I lavori scelti saranno pubblicati gratuitamente nell’antologia “MIEDO”, senza alcun obbligo di acquisto per i partecipanti.

Premi
È previsto un premio per ogni categoria, con un vincitore stabilito dalla Giuria.
1)  Poesia: al poeta vincitore nella sua sezione saranno riservate numero venti pagine nell’Antologia “MIEDO” nelle quali potrà inserire una sua nota biografica e sue poesie inedite ad argomento libero.
2) Narrativa: allo scrittore vincitore nella sua sezione saranno riservate numero venti pagine nell’Antologia “MIEDO” nelle quali potrà inserire una sua nota biografica e suoi racconti inediti ad argomento libero.

Tutti i partecipanti riceveranno comunicazione sugli esiti del concorso.
Per ulteriori informazioni preghiamo di contattare l’associazione via e-mail (largolibro@gmail.com) o con messaggio Facebook alla Pagina “L’argolibro”.
Il concorso si concluderà nel Cilento in data di stabilirsi (presumibilmente ad agosto 2020) con la presentazione dell'Antologia “MIEDO”.

N.B.: Le opere inserite nelle Antologie dei nostri Concorsi sono di proprietà esclusiva degli autori.
“L’ArgoLibro” non può essere considerata responsabile di eventuali plagi o illiceità commesse dagli autori e per il concetto delle opere pubblicate. Gli autori sono titolari dei diritti sulle loro opere, fatte salve le nostre pubblicazioni per le quali non potranno richiedere alcun compenso.


CLICCA QUI per leggere il bando di concorso della decima edizione di "KERAMOS"!

mercoledì 11 marzo 2020

Comunicato da «L’ARGOLIBRO»



A seguito dell’emergenza causata dalla diffusione del “coronavirus”, la libreria indipendente «L’ARGOLIBRO» chiude la sede in Via Mazzini 22 ad Agropoli e riaprirà in data da stabilirsi.
Inutile precisare che si tratta, da un punto di vista economico, di un periodo di grandissima difficoltà per tutti coloro che svolgono un’attività imprenditoriale privata, piccola o grande che sia, ma ora la PRIORITÀ è quella di limitare il più possibile la diffusione del virus.
Le attività della Casa editrice «L’ARGOLIBRO» continuano, così come l’invito è sempre quello di “far rete” tra artisti in tutt’Italia con proposte on line. Riprendiamoci anche del tempo per leggere un buon libro, per guardare un buon film.  Per qualche tempo dobbiamo “ridisegnare” la nostra quotidianità.
Tante, comunque, le iniziative previste anche in questi mesi molto particolari. Non mancheranno concorsi, antologie, nuove pubblicazioni di singoli autori. Continuate a seguirci attraverso il blog www.largolibro.blogspot.it e le pagine Facebook “L’argolibro” e “Argo Libro”. Per qualsiasi informazione il nostro numero è 3395876415.

“Senza la cultura siamo campati in aria, è come stare al sesto piano di un palazzo senza altri piani sotto, incapaci di capire ciò che succede.” (Roberto Vecchioni)

venerdì 6 marzo 2020

Un altro mese ricchissimo per il Segnalibro!






(clicca sulle immagini per ingrandirle)

Vuoi partecipare al Segnalibro?
Clicca qui per tutte le informazioni!
Condividi la tua arte!

Questo mese nel ricchissimo pieghevole trovate:

- il disegno originale di Helga Freimanner;

- informazioni per partecipare a “I 2Mila Segnalibri” con poesie, racconti brevi e recensioni di proprie opere pubblicate (clicca qui);

- le poesie di Alfonso Gatto e Antonio Machado;

- il racconto di Elisabetta Mattioli;

- la recensione di Giuseppe Salzano per la rubrica “Leggendo…” (qui il sito personale dell’autore);

- la recensione del romanzo «La violinista» di Elisabetta Mattioli;

- spazio dedicato alle pubblicazioni de L’ArgoLibro «Visionario» di Emmanuele Pirozzi e «All’ombra dell’amore» di Enrico Improtaclicca qui per visitare la sezione del blog dedicata alle nostre pubblicazioni – clicca sulle copertine per aprire la pagina corrispondente);

…e ancora news, aforismi, curiosità!

L’ARGOLIBRO”: 
noi facciamo largo
alle proposte di qualità!

Gianluca Conte - Il niente ineludibile




Autore: Gianluca Conte
Titolo: Il niente ineludibile
Editore: L’ArgoLibro
Con una nota di Adriana Gloria Marigo
Anno di pubblicazione: 2020
ISBN 978-88-94907-83-4
Numero pagine: 128

Formato: 11,5x18
Prezzo di copertina euro 12,00
Spese di spedizione euro 4,63 (raccomandata postale)
Per contattare l’autore: 
 glucaconte@libero.it  
Per info e ordini: largolibro@gmail.com 

Un saggio filosofico particolarmente interessante, questo di Gianluca Conte, che ci fa immergere in concetti che nella comune quotidianità non vanno oltre una superficiale accezione negativa: il “nulla”, il “niente”, vengono scandagliati con un excursus storico che coinvolge i più grandi filosofi di ieri e di oggi, ma non solo.
Forse più di ogni altra disciplina, la filosofia è un forte invito a comprendere sempre meglio, e sempre più profondamente, i termini che utilizziamo (o che potremmo utilizzare).
Gianluca Conte scrive, con chiarezza e invidiabile rigore, di fenomeni, di manifestazioni, di teorie, sintetizzando mirabilmente le visioni dei più grandi pensatori, riferendosi in primis a Platone e ad Aristotele. Partendo dalle scelte che hanno fatto in campo speculativo, è possibile rendersi conto della loro “percezione” del “nulla” e del “niente”. L’autore richiama anche le posizioni di Tommaso d’Aquino, Hegel, Heidegger, Leopardi, Sartre e ancora altri pensatori, svelandoci tutto il fascino di un «attraversamento» – come alla fine lo definisce lui stesso – che non vuole essere esaustivo ma, al contrario, stimolare nuovi e ulteriori punti di vista.
Chiude l’opera la ricca nota di Adriana Gloria Marigo «L’ineludibilità del niente. Una lettura olistica», che ci offre ulteriori spunti di riflessione. Sia Gianluca Conte che la Marigo sono consapevoli, come sottolinea quest’ultima, di trovarsi di fronte «a uno dei temi vertiginosi che hanno fondato parte della ricerca di filosofia». 

Clicca qui per leggere la recensione di Angela Nese su "Zona di disagio"

Clicca qui per leggere la recensione di Nicola Vacca su "Gli Amanti dei Libri"

Clicca qui per l'intervista di Martino Ciano a Gianluca Conte su "Radio Digiesse"